loading...

L’olio che mettiamo in tavola? ALTRO CHE MADE IN ITALY! DIFFONDI IL VIDEO!

96297_olivadurantelaraccolta

Pensavate di mangiare olio extra vergine di Oliva Italiano e per di più di produzione biologica? SBAGLIAVATE! In realtà si tratta di una poltiglia tutt’altro che italiano… IL VIDEO

Tutt’ altro che made in Italy… Qui si tratta di olio Magrebino che proviene dall’ Algeria, Turchia e Marocco e che poi finisce in un oleificio della Toscana là dove viene trasformato in EXTRA VERGINE DI OLIVA…
Insomma… ci spacciano questa poltiglia melmosa in olio puro e biologico quando invece, nella realtà, non c’è nulla di salutare…
Intanto finisce senza alcun problema sulle nostre tavole e dunque: nel nostro organismo!

In un paese in cui le aziende Italiane si trovano ad affrontare un periodo di crisi… Si pensa ad spacciare olio estero per italiano: una vera e propria frode ai danni di milioni di consumatori ignari.

Tutto parte dal trafficatissimo porto di Livorno là dove sbarcano camion pieni zeppi di una poltiglia melmosa e condensata la quale sarebbe di olio tunisino. Ovviamente questa poltiglia melmosa fa gola a tanti oleifici che in questo modo risparmiano sulla produzione milioni e milioni di euro.

Queste sono le parole si un camionista addetto al trasporto:
“L’odore dell’olio buono si sente… A volte invece, quando arriva dal Tunisi, ha un odoraccio. Magari loro (gli oleifici) lo lavorano, lo distillano e lo rendono commestibile”
Poi ovviamente lo mettono sul mercato!

La follia assurda è che esso viene venduto tranquillamente in tutti i supermercati e il suo costo può variare dai 3 ai 5 euro.

Potete vedere con i vostri stessi occhi questo servizio del programma La Gabbia che va in onda su La7. Non possiamo lasciare che avvenga questa presa in giro perché è inammissibile che i consumatori, pur pagando, si ritrovano prodotto di dubbia provenienza tutt’ altro che genuini.

 

Vi siete mai chiesti da dove viene l’ olio che mettiamo in tavola? Altro che made in Italy…Ecco da dove proviene

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *