loading...

Gentiloni, usciremo dall’Euro. Tornare alla lira, è l’unico modo per superare la crisi

La decisione sarebbe stata presa nella notte dal consiglio dei ministri viste le recenti pressioni ricevute dall’Europa, e da molte componenti dell’opposizione, e dello stesso governo. L’ uscita arriva dopo una serie di attriti con l’Europa, che hanno visto il governo confrontarsi e molto spesso scontrarsi, su tasse e conti.

“Siamo stanchi di andare contro il nostro paese e il nostro popolo, l’euro è stata una fregatura che ha impoverito gli italiani, facendo arricchire solo poche persone. Inoltre è una forma di schiavitù nei confronti di Bruxelles, e non siamo più pronti ad accettare i loro diktat, con la lira ci risolleveremo!”

Una scelta forte quella di tornare alla lira, come si evince dalle parole del vice-segretario all’economia, ma anche una scelta intelligente, infatti ritornare alla moneta sovrana ci permetterà di ripagare il nostro debito stampando da noi stessi i soldi, così da poter intervenire e immettere denaro direttamente nelle tasche.

“Gli ultimi movimenti geopolitici, le barriere che molti stati d’Europa stanno alzando non rispettando il trattato di Schengen, ci mostra una Europa sempre più disunita e disgregata, come ha fatto anche notare in questi giorni Mario Draghi, allertando tutti per una possibile caduta dell’euro. La lira ci permetterà di essere di nuovo padroni del nostro destino, e poter dare i soldi direttamente agli italiani, senza domandare permessi o infrangere regole.”

I tagli che verranno messi in circolazione saranno quelli che erano in vigore fino al 2002, prima della scomparsa della lira, e saranno:

A moneta: ₤ 1, 2, 5, 10, 20, 50, 100, 200, 500

Banconote: ₤ 1 000, 2 000, 5 000, 10 000, 50 000, 100 000, 500 000

Non ci resta che riaccogliere la lira!

 

Fonte 

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *