Pillola anticoncezionale killer: morte 100 donne. Prima denuncia in Italia: ECCO LA MARCA

Secondo i dati la Bayer ha già speso 1.6 miliardi di dollari per risarcire 6.800 persone gravemente lese e le famiglie di 100 donne decedute dopo aver assunto la Yaz
La pillola che servirebbe alle donne per “proteggersi” dalla gravidanza ne ha ucciso o leso gravemente la salute di migliaia di loro. Tutte le vittime non presentavano rischi di salute e avevano meno di 39 anni. Ora le famiglie delle vittime si sono unite e hanno deciso di raccontare il loro calvario. Dopo due class action in Canada, azioni legali in America e in Germania, anche in Italia è stata avviata una causa contro la società Bayer per la pillola anticoncezionale Yaz e Yasminelle.

La denuncia, scattata da parte dello Studio Legale Calvetti & Lawyers di Treviso per conto delle donne appartenenti all’Associazione Salute&Diritto, è stata depositata alla Procura della Repubblica di Torino, che indagherà sull’operato dell’azienda per ciò che riguarda le pillole anticoncezionali Yasmin, Yasminelle e Yaz.
Se anche tu sei stata vittima dei danni della pillola contatta lo studio legale per partecipare alla richiesta di risarcimento.

Nel mirino dei consumatori proprio i numerosi rischi derivanti dall’assunzione del farmaco. La maggior parte delle donne decedute a causa dell’assunzione della pillola, ha presentato una improvvisa embolia causata da coaguli di sangue.

Secondo i dati raccolti dalle famiglie, la Bayer ha già speso 1.6 miliardi di dollari per risarcire 6.800 persone gravemente lese e le famiglie di 100 donne decedute dopo aver assunto la Yaz. Mentre la Merck & Co. ha speso 100 milioni per risarcire 3.800 donne lese e 83 famiglie in lutto a causa del Nuvaring.
Avevamo discusso dei seri pericoli del Nuvaring, l’anello contraccettivo che ad oggi è ritenuto responsabile della morte di 224 donne. Manifesta infatti importanti effetti collaterali legati al suo uso come trombi, ictus, infarti, pressione alta, problemi di cuore e tumori all’utero e al seno.

Nonostante i danni per la salute Nuvarig, Yaz e Yasmine sono ancora in commercio

Michael Jane Alexander aveva solo 20 anni quando le fu prescritta la Yaz. Racconta la madre: «Ricordo il giorno in cui salì in macchina e mi disse: “Il medico mi ha dato la pillola che protegge dalla gravidanza, dalle sindromi premestruali e che combatte l’acne”. Questa per lei era la “pillola miracolosa”». Dopo poco Michael Jane collassò: «Nostra figlia era morta. Ognuno deve scegliere ma è un diritto fare una scelta informata». Karen, madre di Erika Langhart, che a 24 anni collassò nel suo appartamento in Virginia, ricorda «gli attacchi cardiaci. E in ospedale le chiesero se prendeva la pillola contraccettiva». Il padre della ragazza, Rick Langhart, rammenta invece «i suoi occhi spalancati, a causa della morte cerebrale». Le sorelle di Brittany Michelle Malone aggiungono: «Ci disse che non aveva voglia di venire a ballare. Ci sembrava strano», ma «ci spiegò che il cuore le batteva forte. Poi i suoi occhi si rovesciarono». Devon Bell, invece, sì salvò per un pelo: «“Prendi la pillola contraccettiva?”, mi chiesero in ospedale. “La buona notizia è che sei qui”».
La dottoressa Kelly Brow, intervistata nel documentario realizzato dal quotidiano inglese The Guardian sui pericoli della pillola anticoncezionale, fa notare che «quando usi un farmaco e lo somministri alla popolazione sana è facile dimenticare che ci si sta sottoponendo a un trattamento medico». Eppure, nonostante le famiglie delle vittime si siano ritrovate nel 2013 a Washington per un’interrogazione in merito ai due contraccettivi e alle relative case farmaceutiche, pare non sia cambiato nulla.

Nel video la signora Langhart domanda ai politici e agli amministratori delegati della Bayer e della Merck & Co.: «Nostra figlia è morta a causa di un attacco di embolia polmonare e di ictus. Volete continuare a considerarlo un medicinale con effetti collaterali accettabili?». Imbarazzato il Ceo della Merck & Co. risponde a bassa voce: «La pillola è stata classificata e vagliata in modo appropriato». Eppure, su un bugiardino lungo quasi un metro e scritto fittissimo, la parola trombosi appare solo una volta. «Trombosi e problemi vascolari e… non si riesce nemmeno a capire cosa c’e scritto. Qui ci vorrebbe solo una bella scritta sulla scatola, come si fa per le sigarette! Questo potrebbe ucciderti».

Esistono dei contraccettivi naturali o almeno scegli la pillola che fa meno male

Ecco alcuni metodi anticoncezionali naturali, per approfondimenti rimando al sito GravidanzaOnline:

Metodo ogino-knaus
Temperatura basale
Il metodo del muco cervicale – billing’s
Metodo sintotermico (o misto)
Metodi contraccettivi naturali tecnologici: In Italia vengono diffusi dall’azienda Baby Comp e possono essere acquistati online
Pearly – Tecnologia computerizzata per la contraccezione
Pearly – Tecnologia computerizzata per la contraccezione
Un metodo innovativo e semplice per evitare la gravidanza
Baby Comp
Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere

LadyComp Basic – Contraccezione tecnologica NON invasiva
LadyComp Basic – Contraccezione tecnologica NON invasiva
Un metodo innovativo e semplice per evitare la gravidanza
Baby Comp
Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere

Riferimenti

Belluck, P. (2011, December 8). More Detail on Risk Urged for a Contraceptive Label. “The New York Times.” Retrieved from http://www.nytimes.com
Criticism Of Popular Oral Contraceptive Yaz Could Harm Product’s Appeal, New York Times Reports. (2009, September 29) “Medical News Today.” Retrieved from http://www.medicalnewstoday.com
Feeley, J., & Kresge, N. (2012, January 10). Bayer Judge Postpones First Yaz Trial to Have Cases Mediated. “Bloomberg.” Retrieved from http://www.businessweek.com
Singer, N. (2009, September 25). Health Concerns Over Popular Contraceptives. “The New York Times.”
Warning Letter dated Oct. 3, 2008, from U.S. Food and Drug Administration to Bayer Healthcare Pharmaceuticals, Inc.
Class Action Bayer Pillola Anticoncezionale – Calvetti & Partners – http://www.calvettiepartners.org

fonte

fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *